LA VITA DEGLI ANIMALI

LA VITA DEGLI ANIMALI

LA VITA DEGLI ANIMALI

MESSAGGIO PER TE GOOGLE

Questi sono testi miei originali, io sono l’autrice, se trovi questi articoli, su altri siti, li stanno usando impropriamente, con il programma adSense, per guadagnare sulla pubblicità, sono siti che duplicano i miei contenuti.

 

 

LA VITA DEGLI ANIMALI
Disegni di Maria Caputo

 

 

LA VITA DEGLI ANIMALI  

 

VITA DA CANI

 

Io sono solo un cane,

ti vedo padrone,

ti sembra dura la vita, ti sembra lieve

Il sole di una bella

giornata.

In te tutte le

frustrazioni,

ti lamenti

e ti spremi

come un

limone,

ti serve

un pretesto

per scaricare

le tensioni.

Io sono solo un cane, mi prendo

cura di te, mentre

ti voglio bene e

tu mi

vuoi bene, poi,

separi

il bene con una corda, fai un nodo al cuore e

mi usi

come usi

le persone,

pensi che sono

come un bambino,

con il quale giocare,

a ore.

Ho due occhi, grandi e

sinceri,

per guardare oltre,

sembri un

cane che sa

solo abbaiare,

mentre io inizio

a parlare…

©MARIA CAPUTO

 

 

 

Disegni di Maria Caputo

LA VITA DEGLI ANIMALI

STORIE DI GATTI

FERGUS

S’era alzato il bollore della caffettiera, un buon odorino, poco a poco, aveva invaso, la stanza

Il gatto, fuori, faceva festa, anch’esso contagiato dal profumo del caffè.

Beata la mia padrona, pensò Fergus.

Da quando era arrivato, viveva, li, sul portone di quella sua nuova casa.

Lo chiamavano per nome, ma solo per scacciarlo.

Quando pioveva, rimaneva lì, in un cantone, raggomitolato su sé stesso. Non succedeva mai niente di nuovo. Qualche micio, gli veniva a fare compagnia, solo per poco.

Sempre da solo a fare le fusa, mascherando tutto il dissapore e nonostante i tanti rifiuti, ogni volta ripartiva all’attacco, studiando le mosse giuste per accaparrarsi un po’ d’attenzione, intanto era diventato un pagliaccio scomodo che intralciava i lavori della sua padrona.

In quella sua testolina, era un continuo risuonare: << non ti vogliamo, via da qui!

– Si me ne andrò un giorno, rimuginava, dentro di sé.

Non era capace, intanto, di mettere piede, fuori da quel davanti casa.

©MARIA CAPUTO

CARA ME

SCHEGGE DENTRO LA MEMORIA

 572 total views,  4 views today

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: